Biblioteca di cortile e di campagna - Caprarica di Lecce

Una nuova idea di biblioteca diffusa
Nelle corti
Nelle campagne
Negli edifici
L’occasione presentata dalla Regione Puglia con l’Avviso Pubblico sulle Community Library ha convinto il Comune di Caprarica di Lecce a presentare un progetto che promuova la lettura e, che partendo dalle peculiarità del luogo, potesse dotare il territorio di un’esperienza innovativa. Da qui, il pensiero di mettere insieme la cultura dell’olio e dell’ulivo, tipica di questa terra, con la cultura letteraria dei luoghi. Il progetto dà forza al desiderio espresso dalla nuova Amministrazione Comunale di rivalutare una delle figure importanti della letteratura locale: Antonio Verri, finora poco considerata. Biblioteca di CortileAntonio Verri è stato un romanziere, poeta, pubblicista ed editore italiano inquadrabile nel filone del postmodernismo letterario italiano, nato a Caprarica di Lecce e morto prematuramente nel 1993. Partendo da questi ingredienti, con l’obiettivo di trovare formule di sviluppo sostenibili: sociali, culturali, ambientali ed economici è stato formulato il presente progetto di BIBLIOTECA DI CORTILE E DI CAMPAGNA per CAPRARICA DI LECCE. Per la realizzazione di questo progetto di Community Library sono stati sottoscritti così diversi protocolli d’Intesa con associazioni culturali e di promozione territoriale con la volontà di creare una rete di esperienze di piccole biblioteche che, partendo da Caprarica, coinvolga altre amministrazioni salentine. Il percorso urbano e territoriale della Community Library, riconverte quindi alcuni ambienti del polo scolastico in nuovi spazi accoglienti in cui promuovere la cultura della lettura e si espande nelle corti e nella campagna, grazie alla partecipazione attiva dei cittadini di Caprarica e delle associazioni civiche. In particolare, l’intervento interessa: 1 – la Sala dell’attuale Biblioteca Comunale “G. Giancane”, ubicata all’interno del plesso scolastico di Corso Europa; 2 – la Sala Polifunzionale intitolata ad Antonio Verri ubicata all’interno del plesso scolastico di Corso Europa; 3 – la Casa del Turista di via Madonna del Carmine; 4 – le isole della lettura di cortile e di campagna diffuse nel tessuto storico del paese e nel paesaggio agricolo alle porte del paese ed in corrispondenza delle masserie.